Faresin ora punta anche su Australia

Gruppo cassaforme presente in 79 paesi, 35 operazioni con Sace.

(ANSA) – VICENZA, 3 LUG – E’ considerata una multinazionale «tascabile» in virtù della presenza in 79 Paesi del mondo, con una quota dell’85% di fatturato all’estero, di cui il 65% nell’extra Unione Europea. Ma ora la Faresin Building Spa di Breganze (Vicenza), primo produttore italiano di casseforme e attrezzature edili di alta qualità, e tra le prime cinque a livello mondiale, punta forte sull’Australia. «Quella dell’Australia è una sfida importante – racconta Chiara Faresin, executive director di Faresin Building, figlia di Guido, che fondò l’azienda nel 1973 – e il nostro obiettivo è quello di aumentare le quote di mercato. La nostra filiale di Sydney, diretta da Lucia Faresin e che ha cinque anni di vita, vanta notevoli margini di crescita e sviluppo». Nell’ultimo decennio Faresin Building ha effettuato con Sace (Gruppo Cdp) oltre 35 operazioni di assistenza al credito per i propri clienti e dal 2016 è anche cliente di Sace Fct. Nell’ultimo anno sono state perfezionate nove operazioni per un impegno di circa 2,5 milioni.